Questo articolo ha una media di giudizio:


  Articolo redatto da:
  Avv. Massimo Zizzari



La prededuzione dei crediti sorti per precedenti procedure concorsuali

31/05/2018 - Cassazione civile sez. I - 16/05/2018 n.12017

L'eccezione al principio della par condicio creditorum

Chiamata a pronunciarsi sulla violazione e falsa applicazione
dell’art. 111 comma 2 l. fall. (prededucibilità dei crediti
fallimentari), la Suprema Corte ha stabilito che i crediti sorti in
funzione di precedenti procedure concorsuali possano rientrare fra i
crediti prededucibili, introducendo dunque un’eccezione al noto
principio della par condicio creditorum. Le ragioni poste a fondamento
delle decisione sono ravvisabili nell’individuazione del carattere
generale della norma in questione, che in quanto priva di restrizioni,
permetterebbe l’estensione della prededucibilità ai suddetti crediti,
purché, si precisa, sia ravvisabile nelle relative prestazioni, per il
momento ed il modo con cui sono state assunte in un rapporto
obbligatorio con il debitore, la funzionalità/strumentalità con il
disegno di risanamento da quest' ultimo predisposto in modo da
rientrare in una complessiva causa economico-organizzativa almeno
preparatoria di una procedura concorsuale. Di seguito si riporta il
testo integrale della sentenza.

FALLIMENTO - RIPARTIZIONE DELL'ATTIVO – CREDITI PREDEDUCIBILI

Per visualizzare questo documento, devi fare l'accesso: LOGIN >


Quanto ti è piaciuto questo articolo?   



Visualizza altri commenti:





DIVENTA REDATTORE
Contribuisci alla crescita del portale
Chiedi di diventare Redattore. Il portale cresce grazie anche a Te. Invia una email a: comitatoscientifico@maurovaglio.it.
I requisiti minimi per valutare la tua richiesta sono: appartenenza ad un albo professionale o certificabile riconoscimento come opinion leader in un settore professionale.