Questo articolo ha una media di giudizio:


  Articolo redatto da:
  Avv. Omar Castagnacci



L'onere della prova nell'azione di accertamento negativo del credito

08/06/2018 - Tribunale Ordinario di Roma- sez. II - sentenza n. 10645/18 - L'attore sostanziale nel giudizio accertamento negativo del credito è chi intende far valere la pretesa creditoria

Con la sentenza n.10645/18 il Tribunale di Roma torna ad affermare che, nell'ambito dell'azione di accertamento negativo del credito erariale (nella specie oneri concessori comunali), l'onere di provare i fatti costitutivi grava su colui che si afferma titolare del diritto e che intende farlo giudizialmente valere, ancorchè parte convenuta in giudizio. Ciò stante l'Ente impositore, pur ricprend la veste di convenuto formale, al pari di quant accande nell'pposizione a decreto ingiuntivo, deve fornire la prova del fondamento della prorpia pretesa credito. Viceversa sarà onere dell'opponente, che adduce fatti estintivi di detta pretesa, fornirne prova in giudizio.

Per visualizzare questo documento, devi fare l'accesso: LOGIN >


Quanto ti è piaciuto questo articolo?   



Visualizza altri commenti:





DIVENTA REDATTORE
Contribuisci alla crescita del portale
Chiedi di diventare Redattore. Il portale cresce grazie anche a Te. Invia una email a: comitatoscientifico@maurovaglio.it.
I requisiti minimi per valutare la tua richiesta sono: appartenenza ad un albo professionale o certificabile riconoscimento come opinion leader in un settore professionale.