Questo articolo ha una media di giudizio:


  Articolo redatto da:
  Avv. Maria Saracino



E’ Opponibile la Consulenza tecnica d’ufficio alla parte che non ha partecipato al procedimento per Accertamento Tecnico Preventivo?

10/06/2018 - Il Tribunale di Roma, Sez. VII Civile (Ordinanza ex art. 702 ter c.p.c. del 28.02.2017) risolve affermativamente il quesito e ci dice il perché


La Consulenza tecnica d’ufficio, esplicata nell’ambito di un procedimento per accertamento tecnico preventivo ex art. 696 c.p.c. (A.T.P.) è perfettamente opponibile alla parte che non ha partecipato al relativo procedimento, a patto che le parti abbiano modo di interloquire nel successivo giudizio di merito. Il Giudice romano, difatti, non ritene sussistente alcuna norma dell’ordinamento che sanzioni con l’improcedibilità la perimetrazione soggettiva nell’ambito di un procedimento per A.T.P. Corretto, inoltre, il ricorso al Tribunale invece che al Giudice di Pace, potendo la richiesta risarcitoria comprendere le spese sostenute dal ricorrente nell’ambito del procedimento per A.T.P., principio già in precedenza espresso dalla Corte di Cassazione.



Per visualizzare questo documento, devi fare l'accesso: LOGIN >


Quanto ti è piaciuto questo articolo?   



Visualizza altri commenti:





DIVENTA REDATTORE
Contribuisci alla crescita del portale
Chiedi di diventare Redattore. Il portale cresce grazie anche a Te. Invia una email a: comitatoscientifico@maurovaglio.it.
I requisiti minimi per valutare la tua richiesta sono: appartenenza ad un albo professionale o certificabile riconoscimento come opinion leader in un settore professionale.