Questo articolo ha una media di giudizio:


  Articolo redatto da:
  Avv. Mauro Vaglio



La notifica della cartella esattoriale da parte dell'Agenzia delle Entrate, se effettuata dal messo notificatore a mani di persona diversa dal destinatario, per perfezionarsi deve essere seguita dalla raccomandata che dà notizia dell'avvenuta notifica

06/07/2018 - Cass. 2 luglio 2018 n. 17235


La Suprema Corte, nella sentenza allegata, ha affermato che la notificazione dell'atto impositivo, se la consegna avviene a mani di persona differente dal destinatario, necessita per il suo perfezionamento dell'invio della raccomandata postale contenente l'avviso che l'atto è stato consegnato ad altro soggetto.



E' bene precisare che la predetta pronuncia si riferisce alla notifica effettuata tramite messpo notificatore, per la quale si debbono applicare le norme del codice di procedura civile e, in particolare, quelle di cui all'ert. 140 c.p.c..



Non è stato quindi modificato in alcun modo quell'orientamento giurisprudenziale maggioritario secondo cui, in caso di notifica diretta a mezzo del servizio postale, è sufficiente l'affidamento del plico all'ufficio postale e, per il perfezionamento della notificazione, la sua consegna nel luogo di domicilio del destinatario, a prescindere da chi la riceva, sia questi un familiare che il portiere.



L'auspicio è che, sulla scorta della sentenza emarginata, ci possa essere un ripensamento anche per la notifica a mezzo del servizio postale, adeguandola anche in materia fiscale alle modalità previste dalla L. 890/1982, con tutte le tutele dei diritti del contribuente, che invece dalla citata interpretazione giurisprudenziale in tale ambito vengono ingiustificatamente limitati a favore dell'amministrazione.




Per visualizzare questo documento, devi fare l'accesso: LOGIN >


Quanto ti è piaciuto questo articolo?   



Visualizza altri commenti:





DIVENTA REDATTORE
Contribuisci alla crescita del portale
Chiedi di diventare Redattore. Il portale cresce grazie anche a Te. Invia una email a: comitatoscientifico@maurovaglio.it.
I requisiti minimi per valutare la tua richiesta sono: appartenenza ad un albo professionale o certificabile riconoscimento come opinion leader in un settore professionale.