Questo articolo ha una media di giudizio:


  Articolo redatto da:
  Avv. Mauro Vaglio



Il giudice nella liquidazione delle spese di giudizio è tenuto a rispettare i parametri ministeriali

03/09/2018 - Cass. 21478/18 (tratto da Cassazione.net)


La Suprema Corte, seppur in un procedimento riguardante l'equa riparazione, ha ribadito ancora una volta che il giudice non può derogare ai parametri forensi previsti dal D.M. 55/2014.



Infatti, se da una parte il D.M. 140/2012 risulta emanato allo scopo di favorire la liberalizzazione della concorrenza e del mercato lasciando le parti contraenti libere di pattuire senza alcun limite minimo il compenso del professionista, dall'altra il successivo D.M. 55/2014 detta i criteri ai quali il giudice si deve attenere nel regolare le spese di causa. Pertanto, non gli è dato il potere di scendere al di sotto della riduzione massima del 50% dell'importo medio previsto nei parametri ministeriali.




Per visualizzare questo documento, devi fare l'accesso: LOGIN >


Quanto ti è piaciuto questo articolo?   



Visualizza altri commenti:





DIVENTA REDATTORE
Contribuisci alla crescita del portale
Chiedi di diventare Redattore. Il portale cresce grazie anche a Te. Invia una email a: comitatoscientifico@maurovaglio.it.
I requisiti minimi per valutare la tua richiesta sono: appartenenza ad un albo professionale o certificabile riconoscimento come opinion leader in un settore professionale.