Sportello Cassa Forense

il Portale MauroVaglio.it si arricchisce di un nuovo Servizio per gli iscritti:
lo Sportello Interattivo Cassa Forense.
Utilizzando questo servizio, potrai usufruire delle competenze dei Delegati alla Cassa Forense: Francesco Notari, Carlo Giacchetti ed Andrea Costanzo, nuovamente candidati nella Lista Mauro Vaglio per le Elezioni di Settembre 2018.

Accedi col tuo account per interagire con i delegati in merito a qualsiasi approfondimento, suggerimento, dubbio o problema sui temi di Previdenza ed Assistenza Forense. Effettua l'ACCESSO (cliccando qui) per proporre il tuo quesito anonimamente oppure firmandolo.


Proponi il tuo Quesito

24/09/2018 -  [di: Avv. simone bulgarelli]
Buonasera, in materia di RICONGIUZIONE CassaForense-Inps sono a chiedere, se optando per la stessa mediante apposita (ed unica) istanza per tutti gli anni pretesi da Inps(2011-2013), sia possibile prevenire contenziosi con l'Inps stessa ovvero anche risolverli in caso di attuale pendenza. So che la RICONGIUNZIONE si può chiedere una volta soltanto e per tutto il dovuto all'Inps calcolato, nel mio caso, dal 2011 al 2013, ma posso ratearlo?
risposta:
24/09/2018 -  [di: Avv. Andrea Costanzo]
Il pagamento della somma dovuta a tale titolo può essere effettuato, su domanda, in via rateale per un numero di rate mensili non superiore alla metà delle mensilità corrispondenti ai periodi ricongiunti. In caso di presentazione di domanda di pensione con piano di rateazione della ricongiunzione in corso, l’onere residuo potrà essere recuperato ratealmente sulla pensione stessa fino al termine del piano di ammortamento.


23/09/2018 -  [di: Avv. Roberto Folgori]
La Cadsa mi ha confermato che dal 1/1/2019 decorre( renbe) la mia pensione di Anzianita, previa cancellazione da Albi e comunicaziine alla Cassa entro dic 2018. Se mi cancello prima di c 2018 ho una penalizzazione economica come sembra da alcune risposte della Cassa,e di quanto? Grazie rf
risposta:
23/09/2018 -  [di: Avv. Francesco Notari]
Per rispondere al tuo quesito ho bisogno di accedere alla tua posizione contributiva. Farò le verifiche nei prossimi giorni e ti darò il risultato


22/09/2018 -  [di: Avv. adalberto carrozzini]
In data 01.03.2018 ho compiuto 65 anni e 33 anni di contribuzione pertanto rientro nello scaglione 1.1.2017/31.12.2018 ma avvalendomi della disciplina regolamentare (art..2) subiro' una riduzione di circa il 15% dello emolumento pensionistico che mi verrà corrisposto. Chiedo perchè la decurtazione applicata dalla Cassa è maggiore del 15% (per i tre anni anticipati da 68 a 65) e perchè tale abbattimento risulterà permanente e non limitato al periodo di raggiungimento dei 35 di contribuzione ?
risposta:
24/09/2018 -  [di: Avv. Andrea Costanzo]
È facoltà dell’interessato richiedere l’anticipo del pensionamento di vecchiaia, comunque, a 65 anni [1], fermo restando il requisito di contribuzione minima: l’importo della quota di base, calcolata secondo il criterio retributivo, viene però ridotto dello 0,41% per ogni mese di anticipazione rispetto al requisito anagrafico richiesto per la pensione di vecchiaia. La riduzione non si applica se l’iscritto ha raggiunto 40 anni di contribuzione.


21/09/2018 -  [di: Avv. Giunio Massa]
Ho necessità di far fare dei controlli sul mio trattamento pensionistico perchè lo ritengo troppo ridotto. Come posso fare?
risposta:
22/09/2018 -  [di: Avv. Francesco Notari]
Caro Collega sarò lieto di accompagnarti presso gli uffici per fare i controlli. La mia mail è francesconotari@libero.it. attendo tue


20/09/2018 -  [anonimo]
Buongiorno ho sempre dubbi riguardo a questo pagamento della cassa forense. Essendo iscritta da maggio di questo anno, il modello 5 devo compilarlo indicando zero o no? Senza aver compilato il modello 5 non mi fa stampare il Mav? GraZie infinite Maria Domizia grispini
risposta:
20/09/2018 -  [di: Avv. carlo GIACCHETTI]
Gentile collega, se nell'anno 2017 - come praticante abilitato - hai prodotto un qualsiasi reddito lo stesso dovrai indicarlo nel modello 5 di questa'anno. Se invece non hai prodotto alcun reddito nel 2017, il modello 5 di quest'anno dovrai farlo ugualmente, indicando reddito 0. Ovvio che se non compili il mod 5 (anche con reddito 0) non potrai stampare i MAV. Per quanto riguarda le somme di cui ti chiede il pagamento CF ti confermo quanto già precedentemente detto


13/09/2018 -  [anonimo]
Buonasera, per motivi vari di salute, ho dovuto presentare domanda di pensione di inabilità, mi è stata riconosciuta con delibera della Giunta Esecutiva del 9.5.18. Volevo sapere se con il pagamento di € 140,00 annui potrei usufruire delle “GARANZIE DEL PIANO BASE” previste dalla Unisalute quale assicurazione della Cassa Forense? Nel caso specifico ho la SM e quindi rientro nei “gravi eventi morbosi”. Grazie
risposta:
22/09/2018 -  [di: Avv. Francesco Notari]
In caso di patologie invalidanti pregresse è discrezione della assicurazione accettare la domanda per l'integrazione polizza a quella base. La base è di default attiva e ne puoi usufruire


13/09/2018 -  [anonimo]
Prima dell'iscrizione obbligatoria alla cassa, i versamenti previdenziali venivano effettuati alla gestione separata Inps, avete previsto la possibiita' di recuperare quelle somme versate dall'Inps?
risposta:
13/09/2018 -  [di: Avv. Francesco Notari]
È in corso una trattativa serrata per poter far confluire i contributi della gestione separata ma INPS resiste... comunque non molliamo!


06/09/2018 -  [di: Avv. roberto colica]
Mi è stato erogato dopo 4 anni dalla pensione (2013) il supplemento della pensione stessa spettante a coloro che continuano l'esercizio della professione . Ho proposto reclamo avverso la determinazione rilevando che i criteri (coefficienti) per l'adeguamento devono essere gli stessi utilizzati per la liquidazione della pensione principale. Mi è stato risposto che il regolamento sulla liquidazione del supplemento stabilisce coefficienti diversi che sono stati rispettati. Cosa pensate?
risposta:
10/09/2018 -  [di: Avv. carlo GIACCHETTI]
Gentile collega, la risposta che ti hanno dato a Cassa Forense è esatta. Difatti Per quanto riguarda la pensione principale i coefficenti sono quelli applicati con il calcolo retributivo , per cui ci sarà anche la rivalutazione ISTAT ecc.Invece i coefficenti per la liquidazione del supplemento si attuano con il sistema contributivo, per cui nella fattispecie i due calcoli saranno per forza diversi


05/09/2018 -  [di: Avv. Maria Grazia Raimondo]
Buona sera. Ho letto la risposta. Sono iscritta all'Ordine di Civitavecchia dal 2016, marzo e, pertanto, dalla medesima data dovrei essere iscritta alla Cassa, Come ho già detto, ho provato a proporre il quesito sui contributi da me dovuti sul sito della Cassa. Mi è stato risposto che mi avrebbero fatto sapere quando e quanto avrei dovuto versare ma ancora non ho avuto comunicazione alcuna. Vi ringrazio e vi saluto cordialmente
risposta:
05/09/2018 -  [di: Avv. Francesco Notari]
Gentile Collega mi faccio carico di informarmi direttamente presso gli uffici competenti e ti farò sapere. Suggerisco che tu mi invii una mail per darti la risposta nel rispetto della tua privacy visto che dovrò riferirsi somme e scadenze personali. La mia mail è francesconotari@libero.it. Ovviamente va utilizzata solo su mia indicazione come in questo caso è non per bypassare i quesiti su questo sito


03/09/2018 -  [di: Avv. Federica Moretti]
Egregi Colleghi, con la presente chiedo informazioni relative al bando n.10/2018. In particolare avrei bisogno di sapere se il contributo può essere richiesto per il Gulf International Congress 2018 che si terrà ad Abu Dabi dal 1/11/2018 al 5/11/2018. Preciso che il congressosi terrà nei giorni di sabato 3 dalle ore 9:15 alle 16:15 e domenica 4 dalle ore 9:45 alle 13 con cena di gala e premiazione. Per ulteriori chiarienti lascio il mio telefon mobile 3408691882
risposta:
04/09/2018 -  [di: Avv. carlo GIACCHETTI]
Buon giorno Collega, l'art. 3 del bando 10/2018 prevede che il contributo (pari al 50 %) della spesa documentata al netto di IVA per la frequenza di master/corsi/scuole di specializzazione o perfezionamento , di durata non inferiore a venti ore, concluso nell'anno 2018. Ovviamente il corso non può avere una durata inferiore a venti ore e nel caso di specie la premiazione e la successiva cena di gala sono escluse dal conteggio. Ne deriva quindi che il contributo non può essere richiesto


03/09/2018 -  [anonimo]
Buongiorno. Ho versato contributi all'INPS per circa 18 anni ed ora sono iscritto alla CassaForense con contributi versati di circa 15 anni. Quali sono le procedure i costi ed i benefici del cumulo ora possibile? Grazie
risposta:
03/09/2018 -  [di: Avv. Francesco Notari]
L'istituto del cumulo, così come previsto dalla recente normativa recepita da Cassa Forense, è gratuito. La domanda può essere fatta al raggiungimento dell'età pensionabile e del periodo di contributi sommato pari a 35 anni. nel Tuo caso mi sembra che manchino 2 ani di contributi, ma non conosco la Tua età. I benefici sono evidentemente al mancanza di oneri per l'iscritto


01/09/2018 -  [di: Avv. Francesco Marchio]
Sono interessato alla Retrodatazione della iscrizione (oggetto di una recente modifica legislativa e regolamentare nel 2012?): 1) ci sono dei limiti, dei presupposti o delle scadenze?; 2) ci sono dei contributi da pagare? 3) ci sono moduli o modelli di domanda? grazie
risposta:
03/09/2018 -  [di: Avv. carlo GIACCHETTI]
Entro il termine perentorio di sei mesi dalla ricezione della comunicazione di avvenuta iscrizione alla Cassa, potrai presentare tale domanda on line, accedendo alla posizione personale, per beneficiare della retrodatazione degli anni di iscrizione nel registro dei praticanti, per un massimo di cinque. Entro sei mesi dalla comunicazione della Cassa, a pena di decadenza, dovrai procedere al pagamento - in unica soluzione - di tutti i contributi dovuti, oppure potrai chiedere la rateizzazione in


31/08/2018 -  [di: Avv. carlo GIACCHETTI]
QUESITO DI UN COLLEGA: Sono pensionato DALL'ANNO 2014 - cancellato sia da Albo Avvocati sia da Cassazionisti, nonché cancellato dall'IVA dall'anno 2016 dal quale anno non ho più esercitato la professione e pertanto non ho percepito alcun reddito professionale - DEVO FARE IL MO.5? grazie
risposta:
31/08/2018 -  [di: Avv. carlo GIACCHETTI]
RISPOSTA: Essendo andato in pensione nell'anno 2014, e cancellato dall'IVA nell'anno 2016, ne deriva l'obbligo di inviare a Cassa Forense il mod 5 fino all'anno 2017, in quanto quest'ultimo riguarda i redditi percepiti nell'anno 2016, anno in cui la partita IVA era ancora aperta.


30/08/2018 -  [di: Avv. Maria Grazia Raimondo]
Buona sera. Sono un avvocato stabilito iscritto al Foro di Civitaveccia. Al momento della iscrizione all'Ordine sono stata iscritta automaticamente alla Cassa Forense.io sono pensionata Inps, ex inpdap, in qanto sono stata impiegata statale per 35 anni e sono andata in pensione al compimento del sessantacinquesimo anno. Ho già proposto il quesito su ciò che devo alla cassa forense, senza esito. ora ripropongo il quesito a voi. vi ringrazio
risposta:
31/08/2018 -  [di: Avv. carlo GIACCHETTI]
Gentile Collega, per poter rispondere in maniera esaustiva è necessario sapere da che hanno sei iscritta alla Cassa Forense, ma in ogni caso dovrai corrispondere i contributi minimi obbligatori. Aspetto la tua risposta. Avv Carlo Giacchetti


28/08/2018 -  [di: Avv. Massimo Errante]
Gentilissimi, un praticante abilitato nel 2004 e così regolarmente iscritto alla Cassa, cessato il sesto anno nel 2010, viene cancellato da quest'ultima in assenza di abilitazione professionale. Tale meccanismo è presente anche nella L. 247/2012 ? In altre parole, il praticante abilitato nel 2018 alla scadenza del sessennio sarà cancellato dall'Ente previdenziale ? Grazie in anticipo
risposta:
31/08/2018 -  [di: Avv. carlo GIACCHETTI]
In effetti nella L.247/12 non risulta inserita una norma ad hoc, tuttavia la risposta alla tua domanda non può che essere affermativa alla luce della considerazione che l'abilitazione comporta al praticante una maggiore possibilità di guadagno. Resta inteso che

31/08/2018 -  [di: Avv. carlo GIACCHETTI]
In effetti nella L.247/12 non risulta inserita una norma ad hoc, tuttavia la risposta alla tua domanda non può che essere affermativa alla luce della considerazione che l'abilitazione comporta al praticante una maggiore possibilità di guadagno. Resta inteso che


22/08/2018 -  [di: Alessandro Pirrò]
Gentilissimi, RIPROPONGO IL QUESITO SPERANDO DI RICEVERE UNA RISPOSTA PiU’ ESAUSTIVA: sono iscritto nel registro dei praticanti dal 2012 ma ho iniziato a fatturare solo nel 2017. Atteso che VOGLIO iscrivermi alla CF il quesito è: sono costretto a versare i contributi alla cassa anche per gli anni di pratica nei quali non ho ricevuto compenso??Oppure ho la facoltà di contribuire solo per gli anni dove realmente mi sono visto riconoscere un compenso?Grazie mille
risposta:
24/08/2018 -  [di: Avv. Francesco Notari]
Provo ad essere più esaustivo: il praticante non ha obbligo di iscrizione ma facoltà; se fattura oltre 10.300 euro la facoltà diventa obbligo. Ovviamente l'iscrizione ha effetto per l'anno di fatturazione in avanti. Nessun contributivo per gli anni pregressi a fronte di reddito 0. Si può chiedere la retrodatazione ma è una facoltà fell'iscrivendo. Spero sia stato sufficientemente chiaro. In bocca al lupo per la professione


21/08/2018 -  [di: Avv. GIANLUCA GUARALDO]
Buongiorno vorrei sapere cortesemente, avendo io lavorato per alcuni anni come lavoratore dipendente presso un azienda privata, ed avendo versato contributi all' inps, se è possibile al momento opportuno, sommarli con i contributi della cassa oppure se saranno sempre considerati contributi distinti. grazie
risposta:
21/08/2018 -  [di: Avv. Francesco Notari]
Gli istituti che regolamentano più periodi contributivi in enti diversi sono la ricongiunzione, la formalizzazione e il nuovo istituto del cumulo. In ogni caso sono fatti salvi tutti i contributi versati che pertanto non saranno persi.


21/08/2018 -  [di: Avv. Massimo Spada]
HHo sanato il mio debito con Cassa Forense quanto dovrò' attendere per ricevere la pensione ?
risposta:
21/08/2018 -  [di: Avv. Francesco Notari]
A regime i requisiti per la pensione sono 35 anni di contributi e 70 di età. Si può andare in anticipata a 65 anni con 40 di contributi o con 35 ma con una decurtazione tra il 15 e il 20%




< Home